INTERNATIONAL DISPUTE OF OLIVENZA

Statuto giuridico di Olivenza
Posizione ufficiale dello Stato Portoghese
Dove è Olivenza?
Geografia d' Olivenza
Breve storia d' Olivenza
Motivi per i diritti portoghesi
Breve bibliografia d' Olivenza



Statuto giuridico di Olivenza
Olivenza è territorio portoghese illegalmente occupato dalla Spagna.
Il Portogallo non riconosce la sovranità spagnola nel territorio d' Olivenza. Per questo, i limiti fra i due paesi nella regione d' Olivenza sono stati mai definiti,  mancando lì 100 marchi di frontiera
I diritti di sovranità del Portogallo sull' Olivenza sono chiari e nessun esperto in Diritto Internazionale puo metterli in dubbio. 
La Costituzione Portoghese, articolo 5, numero 3, rende impossible l'integrazione d'Olivenza nella Spagna. Così, l' unica soluzione della controversia peninsulare si trova nell'adempimento del Trattato di Vienna, il 1815, per cui la Spagna si è impegnata a restituire Olivenza al Portogallo, ciò che non è accaduto finora.


Posizione ufficiale dello Stato Portoghese
Anche se infrequenti, sono indubitabilmente chiare le prese de posizione dalle autorità politiche portoghesi sul territorio d' Olivenza: Portogallo mai ha riconosciuto la sovranità spagnola ad Olivenza. Da 1988, ci sono stati tre i riferimenti publici della diplomazia portoghese a riguardo della sovranità sull' Olivenza; quelli sono abbastanza chiari per capire la posizione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri portoghese.

A 1988, l'ambasciatore portoghese Carlos Empis Wemans, rappresentante del Portogallo nella Commissione Internazionale sui Limiti fra il Portogallo e Spagna, ha dichiarato al quotidiano portoghese "Diário de Lisboa":
«Il Portogallo ha riconosciuto mai ufficialmente la situazione. Da un punto di vista giuridico, Olivenza è ancora nostra. Così, ai contatti occasionali di Spagna sui problemi della regione, rispondiamo sempre che Olivenza è "de jure" portoghese».
Più recentemente, questa posizione è stata raffermata quando il progetto di ricostruzione del ponte d' Olivenza era in discussione. Il ponte d' Olivenza è stato costruito dal re portoghese Manuel I (1495-1521) ed è stato distrutto a 1709 durante la Guerra della Successione. Questo ponte è rimasto invalicabile fino ai nostri giorni, rendendo difficile viaggiare fra Elvas ed Olivenza sopra il fiume Guadiana, che è, al giorno d'oggi, il limite "de facto", ma non il limite giuridico accettabile fra la Spagna ed il Portogallo.
Nella riunione iberica ad alto livello del 1990, il primo ministro portoghese Cavaco Silva ha raggiunto un accordo sulla ricostruzione del ponticello d' Olivenza come impresa di frontiera, accordo prima negoziato dai rappresentanti del governo portoghese e spagnolo per l'assetto territoriale, Isabel Mota e Jose Borrell rispettivamente. 
Quattro anni doppo, nell'inizio di Marzo, il Ministero portoghese degli Affari Esteri, presieduto da Durão Barroso, ha ostruito l'accordo, così impedendo il progetto essere adempito. L' ambasciatore Pinto Soares,  rappresentante portoghese nella Commissione Internazionale per i limiti, si è rifiutato a discutere il dossier sul ponte, affermando che «lo stato portoghese no può coinvolgersi a qualsiasi progetto che coinvolga riconoscimento dei limiti dove no c' è consenso». «Partecipare ad una tal impresa», ha dichiato una personalità del Ministero degli Affari Esteri al quotidiano portoghese "Público", «significherebbe che il Portogallo riconosce la sovranità spagnola ad Olivenza».

Il modo astuto per cui la Spagna vorrebe il riconoscimento dell' occupazione illegale d' Olivenza si è tornata un'affermazione chiara dei diritti del Portogallo al territorio. Poichè lo stato portoghese considera che il territorio d' Olivenza è parte integrante della Republica Portoghese, il Ministero degli Affari Esteri del Portogallo riuscì che l' impredimento della ricostruzione del ponticello sia esclusivamente portoghese, piuttosto che un' impresa di frontiera fra due Stati. Piace ai due Stati iberici (Portogallo e Spagna) discutere il problema d' Olivenza lontano dai mass media. Per quello, l'accordo definitivo sul ponte è stato raggiunto nella riunione iberica ad alto livello a Porto il Novembre 1994, senza che particolari sul problema siano trascorsi al pùbblico.
L'affermazione ufficiale più recente che Olivenza è parte integrante del territorio portoghese occorse il 1995 nel quadro del progetto della diga di Alqueva, che sommergerà 2.400 circa ettari di terra nei comuni spagnoli di Badajoz, Cheles, Alconchel e Villanueva del Fresno, ed in più circa 1.000 ettari del territorio d' Olivenza.
Nelle trattative su questo oggetto tra i due Stati peninsulari, le autorità portoghese, compreso il Ministero dell' Ambiente ed il Ministero degli Affari Esteri, hanno trasmesso a Madrid, il marzo 1995, un studio dettagliato sulle conseguenze che il progetto avrà sul territorio spagnolo. Poichè il Portogallo non riconosce la sovranità spagnola ad Olivenza, le informazioni su questo territorio legalmente portoghese no sono state incluse nei 13 volumi dello studio trasmesso alle autorità spagnole. Soltanto una settimana dopo, come segno di deferenza e per raggioni tecniche, ha fatto il Governo portoghese giungere informazioni in cui i dati sul' Olivenza erano inclusi. Ma, per risaltare la posizione portoghese, lo studio è stato intitolato «Territorio della Spagna e d' Olivenza», ciò che dimostra chiaramente che lo Stato portoghese no considera Olivenza come territorio spagnolo.

Dove è Olivenza?
Olivenza si trova alla provincia di Alto Alentejo (sud del Portogallo), al orlo sinistro del fiume Guadiana, quasi davanti alla città di Elvas, 24 chilometri circa al sud di Badajoz. Il territorio d' Olivenza ha una configurazione triangolare, con due dei vertici nel fiume Guadiana ed il terzo entra verso sudest nella Spagna.
Ritornando Olivenza alla gestione portoghese, probabilmente sarà parte del distretto di Portalegre.


Geografia d' Olivenza
Ci sono al mondo 21 paesi indipendenti più piccoli che Olivenza, e 20 paesi circa, non ancora autonomi ma che attendono la loro autodeterminazione, hanno dimensioni più piccole che Olivenza.

Oltre la città, il territorio d' Olivenza include sette villaggi:

S. Francisco
S. Rafael
Vila Real
S. Domingos de Gusmão
S. Bento da Contenda
S. Jorge de Alor
Táliga.

Area totale: 750 km2, un po' superiore a quella dei paesi come Singapore o Bahrain.

I comuni portoghesi più importanti (Lisbona ed Oporto) uniti riguardano un' area sei volte più piccole che Olivenza.
La Gibilterra è meno di 6 km2 ed è 125 volte più piccola che Olivenza. Se il governo spagnolo esige la restituzione della Gibilterra dal Regno Unito, per motivi storici ma senza argomenti giuridici, perchè non può il Portogallo richiedere che la Spagna consegni Olivenza, poiché ci sono senza dubbi diritti portoghesi a questo territorio?

Popolazione del territorio d' Olivenza*:

Olivença, 8.274 Abit.
S. Francisco de Olivença, 468 Abit.
S. Rafael de Olivença, 265 Abit.
Vila Real, 96 Abit.
S. Domingos de Gusmão, 31 Abit.
S. Bento da Contenda, 564 Abit.
S. Jorge de Alor, 478 Abit.
Táliga, 736 Abit.

TOTAL 10.912 Abit. (* Censo da 1991)

Come succede ad altri villaggi nel Alentejo, provincia nel sud del Portogallo, il territorio d' Olivenza è profondamente spopolato.
La maggior parte degli abitanti si concentra in Olivenza.
Gli abitanti della città sono soprattutto colonizzatori spagnoli portati lì con lo scoppo d'occupare il territorio  portoghese.
È nei villaggi d' Olivenza che la cultura portoghese sopravvive ancora, nonostante la colonizzazione spagnola, spesso repressiva.


Breve storia d' Olivenza

  • 1297 - Con il Trattato di Alcanizes fra Dinis, il re del Portogallo e di Fernando IV, re di Castela, Olivenza è definitivamente resa al territorio portoghese.
  • 1298 - Dinis, re del Portogallo, assegna la "Carta de Foral " (costituzione comunale) a Olivenza ed costruisce le nuove Mura. 
  • 1488 - João II, re del Portogallo, costruisce la torretta di Olivenza (Torre de Menagem).
  • 1510 - Manuel I, re del Portogallo, assegna nuovo " Foral " (costituzione comunale) a Olivenza.
    Questo re costruisce le nuove fortificazioni ed il ponticello di Olivenza, che hanno collegato Olivenza a Elvas (ora città portoghese). Più avanti, questo ponticello è stato riconosciuto come il ponticello di Ajuda della Nossa Senhora. 
    Durante il regnato del re Manuel I è stata iniziata la costruzione della chiesa della Maddalena. Questa chiesa sarebbe stata poi la residenza del vescovo di Ceuta per molti anni.
  • 1580 - Unione dinastica fra il Portogallo e la Spagna.
  • 1640, 1 dicembre - Ripristino dell'indipendenza portoghese.
  • 1668 - Trattato di pace fra la Spagna ed il Portogallo, ripristino si concludono così le guerre di ripristino.  
    Il Portogallo mantiene i confini definiti dal Trattato di Alcanizes (1297). 
    La Spagna non ha mai messo in discussione la sovranità portoghese su Olivenza, malgrado le lotte costanti nella zona di confine.
  • 1709 - Durante la guerra spagnola di secessione, il ponticello di Olivenza è distrutto dalle forze spagnole ed è rimasto così fino ad oggi. 
  • 1801, 29 gennaio - La Spagna e la Francia firmano un trattato di invasione contro il Portogallo per obligarlo a rinunciare all'alleanza Portughese-Britannica e chiudono i porti alle navi britanniche.
  • 1801, 27 febbraio - La Spagna dichiara la guerra al Portogallo.
  • 1801, 20 maggio - le truppe spagnole invadono il sud del Portogallo ed occupano Olivenza, Juromenha e, alcuni giorni dopo, Campo Maior. 
  • 1801, 6 giugno - Trattato di pace di Badajoz fra il Portogallo e Spagna e Francia.
    In questo trattato, firmato a causa della minaccia di invasione del Portogallo da parte delle truppe francesi predisposte in Ciudad Rodrigo, viene accordato ciò che segue: 
    Il Portogallo da Olivenza alla Spagna; 
    Il Portogallo chiude i porti alle navi britanniche; 
    Il Portogallo paga alla Francia un risarcimento di 15 milioni di libbre ("tornesas di libras"); ed inoltre accetta i confini della Guiana fino alla bocca del fiume Arawani.  Il Trattato di Badajoz stipula che il mancato rispetto di uno dei predetti articoli comporta il relativo annullamento, che è avvenuto nel 1807. 
  • 1807, 27 ottobre - il Trattato di Fontainbleau, firmato fra la Spagna e la Francia, definisce l'occupazione del Portogallo e la sua relativa divisione in tre parti: la provincia di Entre Douro-e-Minho per il re dell’Etruria; l‘Algarve per l'assistente spagnolo D. Manuel Godoy; le province restanti ed i territori d'oltremare verranno distribuiti in un futuro accordo. 
  • 1807, novembre - le forze spagnole e francesi hanno iniziato l'occupazione del Portogallo, obbligando la famiglia reale portoghese a trasferire il governo nel Brasile.  Firmando il Trattato di Fontainbleau ed invadendo il Portogallo, la Spagna determina l'annullamento del Trattato di pace di Badajoz, perdendo i diritti che avrebbe potuto acquistare su Olivenza. 
  • 1808, 1 maggio - il principe Regent del Portogallo D. João pubblica, a Rio De Janeiro, un manifesto in cui si dichiara che il Trattato di Badajoz, annullato a seguito dell'invasione del 1807, è stato rinnegato. 
  • 1809, luglio – il Portogallo, attraverso D. Pedro de Sousa e Holstein, duca futuro di Palmela, presenta "alla centrale della giunta ", in Siviglia, un ordine ufficiale di restituzione del territorio di Olivenza. 
  • 1810, 19 febbraio - Trattato dell'alleanza ed amicizia fra il Portogallo e la Gran-Bretagna, per il quale la Gran Bretagna si impegna ad aiutare il Portogallo a riguadagnare il possesso di Olivenza, ricevendo in cambio l'utilizzo delle imprese portoghesi della Bissau e di Cacheu per un periodo di 50 anni. 
  • 1810 - Il Portogallo negozia un trattato con i consulenti legali di Regency della Spagna, secondo il quale Olivenza dovrebbe essere restituita al Portogallo. 
  • 1811, 15 aprile - le forze militari portoghesi occupano Olivenza. 
    Beresford, maresciallo britannico che occupa il Comando generale dell'esercito portoghese, ordina la restituzione di Olivenza, probabilmente in modo che la Gran Bretagna non perda i diritti guadagnati con il Trattato del 1810 fra il Portogallo e la Gran-Bretagna. 
  • 1814, 30 maggio - il Trattato di Parigi, nell’articolo 3 della sezione delle correzioni, dichiara i trattati del 1810 di Badajoz e di Madrid nulli e senza effetto. 
  • 1815, 9 giugno - secondo i minuti finali del congresso di Vienna (articolo 105) i diritti portoghesi sul territorio di Olivenza vengono riconosciuti. 
  • 1815, 27 ottobre, - prevedendo la restituzione rapida di Olivenza, il principe Regent João VI nomina D. Jose Luiz il de Sousa plenipotenziario. Dovrebbe continuare l'accettazione del territorio. 
  • 1817, 7 maggio - la Spagna firma il Trattato di Vienna, «riconoscendo la giustizia dei reclami formulati dal Sua Altezza, il principe Regent del Portogallo e del Brasile, sul villaggio di Olivenza e degli altri territori resi alla Spagna dal Trattato di Badajoz del 1801»; e isi impegna a compiere «gli sforzi più efficienti in modo che la restituzione dei territori suddetti al regno del Portogallo avvenga il prima possibile». 
  • 1818 - Per decidere una controversia territoriale fra il Portogallo e la Spagna in america del sud, una proposta di trattato viene stipultata, secondo la quale la Spagna accetta la restituzione di Olivenza. 
  • 1840 - La lingua portoghese è stata proibita nel territorio di Olivenza, anche nelle chiese. 
  • 1858 - Isabel II di Spagna assegna il titolo di città a Olivenza. 
  • 1864, 29 settembre - un patto fra il Portogallo e la Spagna viene firmato, delimitando il confine dall'estuario del fiume Minho alla confluenza del fiume Caia con il fiume Guadiana. La definizione dei limiti territoriali non è stata perseguita a causa della domanda di Olivenza. 
  • 1903 - D. Carlos, re del Portogallo, chiede al monarca spagnolo che sia fatta giustizia nella controversia di Olivenza. 
  • 1911 - Il senatore portoghese Ramos solleva il problema di Olivenza in senato. 
  • 1918/19 - Con la conclusione della prima guerra mondiale, il governo portoghese studia la possibilità di presa di possesso della domanda di Olivenza al congresso di pace. Con questo scopo, l'ambasciatore Teixeira de Sampaio scrive un vasto rapporto. 
    Dato che la Spagna non ha partecipato al conflitto mondiale, l'intervento della Comunità internazionale nella controversia di Olivenza non è possibile. 
  • 1926, 29 giugno - il Portogallo e la Spagna celebrano un accordo per la delimitazione del confine dall'estuario del fiume Cuncos all'estuario del fiume Guadiana. 
    A causa del problema di Olivenza, il confine fra il Portogallo e la Spagna dall'estuario del fiume Caia all'estuario del fiume Cuncos non è stato ancora delimitato.
  • 1936-39 - Guerra Civile Spagnola. 
    Durante il conflitto spagnolo, il colonnello Rodrigo Pereira Botelho si offre di occupare Olivenza. Il reggimento portoghese 8, disposto in Elvas, è preparato per occupare Olivenza, ma è ostacolato dai superiori gerarchici. Un gruppo di legionari portoghesi ha la stessa intenzione. Alcuni oliventinos (cioè abitanti di Olivenza), che hanno difeso la reintegrazione di Olivenza in Portogallo, sono eliminati durante la guerra civile. Gli oliventinos che si sono rifugiati nel territorio portoghese del Guadiana si salvano, gli altri del lato spagnolo vengono trasferiti di nuovo al loro territorio. 
  • 1938, 15 agosto - è stabilita la società di Pro-Olivenza (Sociedade Pró-Olivenza). 
  • 1944/45 - A Lisbona viene formato il gruppo degli amici di Olivenza (Grupo dos Amigos de Olivenza). 
  • 1952 - Nella Commissione internazionale dei confini, il Portogallo dimostra la proprietà del territorio di Olivenza. 
  • 1958 - Humberto Delgado è scelto come presidente dell'assemblea generale del gruppo degli amici di Olivenza. 
  • 1958-59 - Il Portogallo riafferma i diritti su Olivenza nella Commissione internazionale dei confini.
  • 1965, 13 febbraio - il General Humberto Delgado è assassinato dal Ribeira di Olivenza. Si pensa che il suo corpo sia passato in Olivenza, per poi essere abbandonato a Fresno di Villanueva. 
  • 1968 - Un patto fra il Portogallo e la Spagna viene firmato, garantendo la proprietà portoghese dei due lati del Guadiana, dalla confluenza del Caia a Mourão. Il Portogallo mantiene le stesse richieste sul territorio di Olivenza. 
  • 1974 - Un consulente legale spagnolo della Commissione internazionale dei limiti riconosce la destra del Portogallo esigere la proprietà di Olivenza. 
  • 1981 - L'ammiraglio Pinheiro de Azevedo assume la direzione del gruppo degli amici di Olivenza. 
    Questo Primo Ministro del Portogallo concepisce un programma per occupare Olivenza in modo pacifico, che non attua per mancanza di cooperazione da aprte degli organi del governo e per l’indifferenza dell'opinione pubblica portoghese. Per far conoscere il suo progetto, Pinheiro de Azevedo pubblica un libro su Olivenza, città che egli  visita. Il suo viaggio genera grande tensione a Olivenza, la Spagna invia un grosso contigente della protezione civile per evitare problemi.
  • 1988 - L'ambasciatore portoghese Carlos Empis Wemans, rappresentante del Portogallo nella Commissione internazionale dei confini, dice al Diario de Lisboa, quotidiano Portoghese: 
    «Il Portogallo ha mai riconosciuto ufficialmente la situazione. Da un punto di vista legale, Olivenza è ancora nostra. Così durante i contatti occasionali in risposta alla Spagna sui problemi nella regione,  si dice sempre che Olivenza è "dejure" portoghese».
  • 1990 - Nella sommità iberica, il Portogallo e la Spagna firmano un patto per la ricostruzione del ponticello di Olivenza, un progetto unito, che mette i diritti portoghesi su Olivenza a rischio, infatti potrebbe essere frainteso come riconoscimento del confine del Guadiana. 
  • 1990, agosto - Viene costituito legalmente il comitato Olivenza portoghese. 
  • 1992 - Programma televisivo portoghese ' (su RTP - Manica 2, una le contraddizioni delle stazioni di broadcasting della condizione) indicate un dibattito sulla domanda di Olivenza, a cui l' ex assistere degli affari esteri, l'ambasciatore Franco Nogueira, ha partecipato. 
  • 1994, marzo - il Ministero portoghese degli affari esteri, presieduto da Durão Barroso, impedisce l'esecuzione del progetto di ricostruzione del ponticello di Olivenza. L'ambasciatore portoghese Pinto Soares, rappresentante portoghese nella Commissione internazionale dei confini, rifiuta di discutere l'archivio del ponticello, dichiarando che «la condizione portoghese non può partecipare ad alcun progetto che coinvolga il riconoscimento dei confini in un luogo di cui non si ha il consenso.».
  • 1994, novembre - nella sommità iberica di Oporto, un accordo viene raggiunto affinchè il ponticello sia ricostruito dal Portogallo, senza intervento spagnolo, di modo che i diritti portoghesi sul territorio di Olivenza non siano messi in gioco. 
  • 1995, marzo - il Ministero portoghese degli affari esteri ed il ministero dell'ambiente trasmettono a Madrid uno studio dettagliato sugli effetti che la costruzione della diga di Alqueva nel Portogallo avrebbe sul territorio spagnolo. 
    Poichè il Portogallo non riconosce la sovranità spagnola su Olivenza, le informazioni su questo territorio legalmente portoghese non sono state incluse nei 13 volumi dello studio trasmesso alle autorità spagnole. Soltanto una settimana più tardi, nella deferenza agli spagnoli e per facilitare le formalità tecniche, la nostra gestione trasmette le informazioni includendo i dati su Olivenza. Ma, per dare risalto alla posizione portoghese, lo studio è intitolato 'territorio della Spagna e di Olivenza', che dimostra chiaramente che la gestione portoghese non ha considerato Olivenza come componente della Spagna.
  • 1995, maggio - la facoltà di diritto dell'università di Lisbona organizza un dibattito sulla richiesta di Olivenza. I rappresentanti spagnoli non assistitono al dibattito.


    Motivi per i diritti portoghesi

    Inexistence del bordo
    Nella delimitazione del bordo fra il Portogallo e la Spagna 100 limiti ancora non sono stati disposti, no. 801 - no. 900.
    I due accordi delle definizioni del bordo in 1864 ed in 1926 non hanno delimitato una parte del Alentejo coincidente con il territorio di Olivenza, poichè il Portogallo non ha riconosciuto la sovranità spagnola sulla regione e sulla Spagna continuate per posporre la restituzione di questo pacchetto portoghese di terra. 

    Il progetto del centro degli studi sulle architetture di frontiera, creati in Olivenza in 1995, contiene la seguente istruzione elucidatory: 

    «Desde una perspectiva diplomática, Olivenza resulta ser una materia pendiente entre ambos países, hasta el punto que la comisión interministerial encarregada de revisar los límites fronterizos entre ambos países, dejan permanentemente sobre la mesa la delimitación de los marcos fronterizos que se correspondem con el término minicipal oliventino.»

    In modo che il silenzio portoghese non sia preso come riconoscimento tacito dell'occupazione spagnola, la diplomazia portoghese ha ricordato periodicamente alla Spagna dei relativi diritti di recuperare Olivenza.

    Nullity del Trattato di Badajoz
    La Francia e la Spagna stavano progettando invadere il Portogallo e dividerle fra i due paesi dalla conclusione della campagna di Rossilhão (1793-95). Il risultato degli accordi ha celebrato fra questi due paesi era l'invasione del Portogallo dalle truppe dello Spanish, aiutata dalle forze del French. Dopo l'assalto sul Alentejo maggio il su 20, 1801, il regolatore di Olivenza ha ceduto all'esercito d' occupazione, senza resistenza. Il regolatore di Juromenha anche ceduto. 
    Diplomatico debole e sotto la minaccia dell'attacco, il governo portoghese ha dovuto rendere alle richieste di Napoleon Bonaparte e Carlos IV, re della Spagna. Il governo portoghese ha firmato il doppio Trattato di Badajoz del del 6 giugno e di Madrid del de 29 settembre 1801. 

    Oltre alla presentazione ai reclami vexatious del francese, il Portogallo ha dovuto riconoscere la proprietà spagnola «di Olivenza, del relativo territorio e della gente dal fiume Guadiana in avanti». Questo fiume ora era il bordo fra i due paesi in quella regione. 
    Se la Spagna possedesse un certo argomento valido per giustificare la relativa occupazione del territorio di Olivenza, lo baserebbe sul Trattato di Badajoz di 1801. Tuttavia, questo trattato, così come il Trattato di Madrid dello stesso anno, ha perso il relativo valore legale; è considerato nullo e senza effetto. 
    Il Trattato di Badajoz è stato negoziato fra i due partiti in conflitto: Il Portogallo, come la condizione invasa; La Francia e la Spagna, come i invaders. 
    Mettendo un termine alle trattative, un doppio trattato di pace è stato disegnato che alternatamente sarebbe firmato fra il Portogallo e la Spagna ed il Portogallo e la Francia, entrambi che sono validi come soltanto un trattato, come testi diplomatico collegati. Tale è dichiato nella premessa del Trattato: 

    «Avere i plenipotenziari delle tre potenzi bellicose ha raggiunto un accordo, hanno deciso formare due Trattati, benchè fossero nient'altro di uno nella loro parte essenziale, poiché la garanzia è reciproca e nessun di loro saranno validi se ci è qualunque infrazione di c'è ne dei loro articoli.»

    L'articolo 4 rinforza il principio del unicity dei Trattati di Badajoz ed è la terra per i reclami portoghesi sul loro nullity. In questo articolo, ciò che segue è stipulato: 

    «Se ci è qualunque infrazione in questa o altro articolo, il Trattato che ora è stabilito fra le tre potenzi sarà considerato nullo, secondo il principio della garanzia reciproca, come espresso negli articoli di questo Trattato.»

    La reciprocità di validità o dell'invalidità dei due trattati è espressa chiaramente in articolo 8 del testo francese, quando è dichiato che ' actuel di Traité dell'Au di infrazione del une del comme del le Premier Consul di accoppiamento di regardée di será di Traité del Ce di à di infrazione del toute ', che significa che tutta l' infrazione del Trattato fra il Portogallo e la Francia costituirebbe un'infrazione del trattato fra il Portogallo e la Spagna, poiché entrambe hanno costituito soltanto un trattato. 
    Ci sono parecchi motivi per il nullity del Trattato di Badajoz. Oltre al fatto che la Francia non ha venuto a contatto della scadenza per la relativa ratifica, come stipulato in articolo 9, che ha condotto alla firma del Trattato di Madrid il il 29 settembre 1801, le cause del nullity del Trattato di Badajoz sono le seguenti: 

    1) Mancanza di manifestazione della volontà libera del Portogallo
    Le circostanze in cui il Portogallo ha firmato il Trattato di Badajoz, con il francese ed eserciti spagnoli che minacciano di intensificare azione violenta contro il territorio portoghese, che parzialmente avevano occupato, violano il principio per cui tutto il commercio legale è soltanto valido se tutti i partiti manifestano la loro volontà libera. 
    Il Portogallo ha firmato il Trattato di Badajoz non nell'esercitazione della relativa libertà completa, ma costretto nel farla sotto la minaccia di forza.

    2) Trattato di Fontainbleau e della violazione di pace
    Il Trattato di Badajoz di 1801 era ' un Trattato di pace, ' che è espresso chiaramente nella relativa premessa. L'articolo 1 ha stipulato quello: 

    «Ci sarà pace, amicizia e buoa corrispondenza fra il suo highness il principe Regent del Portogallo e del Algarves ed il suo EL cattolico Rei del majesty di Hespanha, nel mare come su terra, in tutta l' estensione dei loro regni e dominions.»

    Nonostante l'attacco ed invasa dalle forze di Spanish-French, per nessun altro motivo che la decisione rifiutare di abbandonare la relativa alleanza con il Great-Britain, il Portogallo ha dovuto accettare la pace nelle circostanze dishonourable e d' umiliazioni. 
    In cambio dell'accettazione della pace, che ha avvenuto sotto la minaccia della rappresaglia più grande, il Portogallo ha approvato alle richieste della Spagna e della Francia, compreso il riconoscimento della proprietà spagnola di Olivenza. 
    Come stipulato in articolo 4, la violazione della pace ha implicato il nullity del Trattato di Badajoz. 

    Ciò accadrebbe in 1807, quando la Spagna e la Francia hanno firmato il Trattato di Fontainbleau, che ha determinato la divisione del Portogallo in tre parti. I due paesi hanno occupato il Portogallo pochi mesi più successivamente per compire questo progetto. 
    Se la Spagna potesse sostenere affatto a destra alla proprietà del territorio di Olivenza, lo ha perso irrevocabilmente, quando annulled, sotto la relativa responsabilità, l' unico documento di valore legale su cui potrebbe basare la relativa sovranità su quel piccolo pacchetto di terra nel Alentejo. 

    Come conseguenza dell'invasione del Portogallo dalle forze dello Spagnolo e del French, che hanno condotto la famiglia reale trasferire le sedi del monarchy portoghese nel Brasile, D. João, il principe Regent del Portogallo, ha fatto pubblicare un manifesto, datato maggio il 1, 1808, che ha considerato i Trattati di Badajoz e di Madrid di 1801 ' nullo e senza effetto

    3) Trattato di Parigi di 1814 
    Il il 31 marzo 1814 le forze alleate hanno entrato in Parigi, costringente Napoleon ad abdicare. Le ostilità che sono derivato dalle guerre di Napoleonic sono state sospese da una convenzione firmata aprile 23 su D. João, principe del Portogallo, aderito ad esso maggio su 8 dello stesso anno. 
    Maggio su 30 il Trattato di Parigi è stato firmato, che annulled il Trattato di Badajoz e di Madrid di 1801. 
    Articolo supplementare no.3 determinato:

    «Anche se i trattati, le convenzioni e gli atti hanno concluso fra le due potenzi prima che la guerra abbia luogo in effetti annulled dovuto la condizione della guerra, le parti contraentesi lo hanno ritenuto conveniente dichiarare ancora che i trattati suddetti di Badajoz e di Madrid in 1801 e la convenzione firmata a Lisbona in 1804, fossero nulli e senza effetto per il Portogallo e la Francia e che le due parti superiori rinunciano reciprocamente a tutti i diritti e negano tutto l' obbligo che potrebbe derivare da loro.» 

    Anche se il Trattato dei annuls de Parigi soltanto direttamente i trattati suddetti per quanto la Francia, lo stessi si applica in Spagna, poiché i due trattati di Badajoz costituiscono soltanto uno, come indelibly hanno espresso. 
    Da questo articolo supplementare si può anche arguire la dottrina legale secondo cui la condizione della guerra che ha seguito il Trattato di Fontainbleau, annulled, da sè, i Trattati di Badajoz e Madrid di 1801. Ciò conferma il inexistence di tutta la terra che garantisce il dominion spagnolo sopra Olivenza.

    Determinazione del congresso di Vienna
    Dopo che Napoleon sia sconfitto, in aprile dell'anno 1814, le potenzi europee provate per ristabilire, il più distante possibile, l'ordine ed i bordi in il vigore in 1792. 
    Se il Trattato di Parigi maggio un di 30 di 1814 fosse l'inizio del processo di pace, il congresso di Vienna, che ha cominciato il 27 settembre dello stesso anno, era un tentativo di risolvere i molti problemi che erano in corso. 
    Fra le domande di interesse più grande nel Portogallo ci era il problema del bordo della Guyana francese e della restituzione di Olivenza. 

    La Spagna ha provato a dissuade la diplomazia portoghese dal presentare la domanda di Olivenza al congresso di Vienna, con le promesse non molto costanti della restituzione del territorio. Ritenendo sospetto le intenzioni spagnole, il Portogallo ha scelto provare a decidere il problema che coinvolge i parecchi paesi presenti a Vienna. 
    Ritenere Olivenza potrebbe essere restituted, la diplomazia portoghese tentata per annullare il trattato dell'alleanza fra il Portogallo e l'Inghilterra di 1810, per cui il Portogallo ha dato la Bissau e Cacheu nel Great-Britain, per un periodo di 50 anni, in cambio del supporto dei Britannici alla restituzione di Olivenza. 

    Oltre a compire questo, i rappresentanti portoghesi nel congresso di Vienna - del da Gama del D. Pedro de Sousa Holstein, del D. António Saldanha e del da Silveira del D. Joaquim Lobo - riuscito ad avere il Portoghese a destra a rincorporazione di Olivenza decretata. L'articolo 105 del trattato definito: 

    «Riconoscendo la giustizia dei reclami formulati dal suo highness reale, dal principe Regent del Portogallo e del Brasile, sul villaggio di Olivenza e degli altri territori resi in Spagna dal Trattato di Badajoz di 1801 e tenendo conto della restituzione di questi oggetti come una delle misure sufficienti assicurare il buono, in pieno e l'armonia stabile fra i due regni della penisola, di cui la conservazione in tutte le parti di Europa è stata lo scopo costante delle loro trattative, le potenzi impegna formalmente per fare gli sforzi più efficienti, attraverso i mezzi conciliativi, a restitute i territori suddetti nel Portogallo. E le potenzi riconoscono, per quanto dipende da ogni di loro, che questa deve avvenire il più rapidamente possibile.»

    Il plenipotenziario spagnolo, D. Pedro Gomes Labrador, rifiutato per firmare il Trattato di Vienna del de 9 giugno 1815 e registrato una protesta contro varie delle risoluzioni del congresso, compreso restituzione di Olivenza. 
    La Spagna infine ha accettato questo trattato maggio su 7, 1817, quando il conteggio Fernan Nuñez lo ha firmato, riconoscente i diritti portoghesi a Olivenza e commettente alla relativa restituzione, che non è stata compiuta a questo giorno.

    Breve bibliografia d' Olivenza
    Abrantes, Ventura Ledesma - O Património da Sereníssima Casa de Bragança em Olivença, Lisboa, Edição de Álvaro Pinto (Revista Ocidente), 1954.
    Alberty, Ricardo Rosa y - A Questão de Olivença, Lisboa, 1960.
    Alberty, Ricardo Rosa y - O Problema de Olivença (Desfazendo Equívocos), Lisboa, Amigos de Olivença, 1969.
    Azevedo, Pinheiro de - Olivença Está Cativa pela Espanha: Por Culpa de Quem?, Lisboa, Básica, 1982.
    Luna, Carlos Eduardo da Cruz - Nos Caminhos de Olivença, Estremoz, 1994.
    Oliveira, Flórido José de - Breve Comentário à Sempre Viva e Actual Questão de Olivença, Lisboa, 1948.
    Olivença. Terra Portuguesa, Lisboa, Grupo dos Amigos de Olivença, s/d.
    Olivenza. Antología Esencial. Elementos para su Historia, (Colectânea organizada por Luis Alfonso Limpo), Mérida, Editora Regional de Extremadura, 1994.
    Pereira, António Manuel - A Terra Portuguesa de Olivença, Porto, 1968.
    Sequeira, Gustavo de Matos e Junior, Rocha - Olivença, Lisboa, Portugalia Editora, 1924.
    Veiga, S. P. M. Estácio da - Gibraltar e Olivença - Apontamentos para a História da Usurpação destas duas Praças, Lisboa, edição de Mário Relvas, 1967.
    Veloso, Queirós - Como Perdemos Olivença, 2ª edição, Lisboa, Academia das Ciências de Lisboa, 1939.
    Vicente, Ana - Portugal Visto pela Espanha. Correspondência Diplomática 1939-60, Lisboa, Assírio & Alvim, 1992.


     
  • Copyright © 2003 Grupo dos Amigos de Olivença Política de Privacidade